2° Carnevale della letteratura: un pensiero

IMG_4879Ti avvicini, rabbrividendo nel buio, ma non fa così freddo. E’ piuttosto l’emozione che i assale, insieme ad un crescente senso di aspettativa. Forse l’attesa è finita. Sei consapevole della tua incredibile fortuna; sai che stai per assistere a qualcosa di straordinario…Eccolo qui, il Coniglio. Esce alla luce della luna, si stende ai suoi freddi raggi, ricevendone il dono dei sogni. In questo tempo di confine, verso lo svanir della notte e prima dell’alba, osserva in silenzio le immagini che si riflettono nell’aria immobile, come scintille di un notturno arcobaleno.

E’ parte della  sorpendente e incantevole introduzione che Spartaco Mencaroni  ha scelto per trascinarci in quei luoghi misteriosi dove  ciò che è diverso s’incontra e si contamina  componendo nuove, imprevedibili  armonie.

E in questo viaggio ai confini, il lettore incontra parole, anime e arcane formule che catturano e sorprendono, conducendo lontano dall’ovvio.

Qui, poesia, musica e scienze si fondono regalando vere, insospettabili emozioni.

Ne ho catturata una, una splendida poesia di Annarita Ruberto:

Il Richiamo Della Natura

Quietamente palpita la superficie del mare.
Al di là riverbera delle nubi il candore
come vitale respiro di aeree divinità
che hanno eretto dimore ai confini del cielo.

In un trionfo di luce incede il giorno
giocando con le fronde dell’assorta pineta,
che ora rosseggia infuocata al tramonto
ora indossa la cupa ombra della sera.

Avanza dei giorni piovosi il declino
lasciando spazio agli squarci di azzurro.
Brulica nello splendore dell’erba la vita
nel ricorsivo ciclo di madre Natura.

Si acquieta del vento la furia impetuosa.
Si riversano sulla Terra i raggi del Sole.
Traluce del fogliame l’intenso colore
quale verde pittura su smerigliati vetri.

Dagli affreschi e dai dipinti sacri delle chiese
guardano nell’eternità santi, regine e imperatori
come se l’interno di antiche cattedrali fosse
per gli illustri insonni la distesa del Mondo.

Della Natura si perpetua il lungo rito
in ogni dove nascondiglio dell’Universo.
Io lo custodirò con segreto tremore
il suo richiamo ascoltando sino in fondo.

Le altre dovrete scoprirle voi !

 2° Carnevale della Letteratura

Il tema del prossimo carnevale è

Non si può toccare l’alba se non si sono percorsi i sentieri della notte

e sarà ospitato da Skipblog

potreste partecipare, no?

Informazioni su spanni

prof. di chimica
Questa voce è stata pubblicata in approfondimenti, carnevale della letteratura e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a 2° Carnevale della letteratura: un pensiero

  1. annarita ha detto:

    La seconda edizione è stata veramente entusiasmante e per l’intero allestimento curato da Spartaco e per i diversi contributi ugualmente accattivanti. Mi fa piacere di aver destato in te un’emozione con la mia poesia. Grazie di averla segnalata.
    Un caro saluto
    Annarita

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...