La pila: riassunto

La pila:

un po’ di storia

un po’ di chimica

un po’ di creatività

Ancora una trilogia, un percorso in tre tappe per  dare un’ occhiata al mondo dell’elettrochimica partendo dallo strumento che ne ha decretato la nascita: la pila.
Questo itinerario però può essere letto anche da un’ angolazione diversa e suggerire  un altro tipo di riflessione.
Nel pensiero comune la creatività è prerogativa dell’arte, della letteratura; spesso è sinonimo di estemporaneità, di sacro furore innato, che non ha bisogno di null’altro per esprimersi.
Credo invece che la creatività sia il risultato di un sapere profondo. Oggetti semplici e rivoluzionari come la pila sono il risultato creativo di un genio che ha scavato, manipolato la materia fino ad arrivare ad assorbine un po’ di magia.
Questo vale per tutti gli altri scienziati ricordati in queste righe e cito in particolare Pedeferri ,  che è riuscito a scoprire i segreti  più profondi della materia inanimata e a tradurre le “sensazioni” di un metallo in colore e forma  creando autentiche opere d’arte.
Non importa   quale sia la disciplina, la regola vale per tutte:
solo dalla conoscenza profonda, può scaturire quel meraviglioso lampo, l’idea innovativa che caratterizza il genio e regala l’immortalità.

unleash-creativity-400x398

Annunci

Informazioni su spanni

prof. di chimica
Questa voce è stata pubblicata in approfondimenti, carnevale della chimica, didattica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...