Comete sostitutive

Di tutte le comete che avrei potuto vedere quest’anno, anno delle comete, non ne ho beccata una  e proprio mi dispiace. Avrei voluto rivivere quell’indefinibile  emozione che mi suscitava Hale – Bopp quando la guardavo  splendere  sopra ai campi bui  appena fuori Castel Maggiore. Mi piaceva e finché è  rimasta ospite dei nostri cieli,  ho cercato di non mancare  l’appuntamento serale.

Mi avevano raccontato che  ISON sarebbe stata lì, visibile al mattino prima del sorgere del sole e io ero pronta a metterla  tra i motivi validi (pochissimi)  per alzarmi, uscire di casa e affrontare un’intera giornata. Il fatto che sia evaporata mi ha profondamente delusa e lasciato nel cuore una forte … voglia di cometa.  Certo con la voglia di cioccolato è più facile, ma ho  comunque  cercato qualcosa che potesse, se non darmi  la stessa  sensazione forte, almeno un po’ incuriosirmi.

Mi sono ricordata che nel 1986 era passata la famosissima Halley, quella del presepe, e così ho ripreso il libro di Paolo Maffei ” La cometa di Halley” alla ricerca di qualcosa di interessante. Questo libro è una fonte di preziose notizie, che spaziano  in campi diversi :dall’ astronomia alla storia e all’arte. Arrivata al famosissimo quadro di Giotto con la

GGiotto Adorazione dei Magi

Giotto – Adorazione dei Magi 1304
Padova Cappella degli Scrovegni

realistica cometa rossa appoggiata sulla capanna, mi sono soffermata sulle ragioni  a favore o contro all’ipotesi che Giotto abbia dipinto  proprio la periodica Halley passata nel 1301 e non l’altra cometa visibile  nello stesso anno.  Mentre l’autore mi informava di non  aver scoperto nessun documento che testimoniasse il colore rosso della seconda cometa ( il che avrebbe risolto ogni dubbio), ho capito che, forse, con un po’ di fortuna, avrei potuto vedere la mia cometa alternativa.

Una piccola ricerca in rete mi ha portato qui

Ho trovato stampe , libri, e scritti,  che raccontano il passaggio di comete nei cieli di Bologna  negli anni: 1742, 1739, 1737, 1682,1680, 1607. Molto interessanti, ma tutti testi e immagini irrangiungibili, conservati gelosamente in biblioteche e fondazioni. Ero quasi rassegnata a considerare la visita ( sempre mozzafiato) alla Cappella degli Scrovegni a Padova l’unico modo per vedere una cometa quando … ecco finalmente la sorpresa.

A Bologna ci sono ben due quadri che rappresentano comete viste nel 1532 e nel 1402 e queste opere sono custodite in due chiese : San Martino, poco nota ma con all’interno opere veramente pregevoli e San Petronio, bellissima e decisamente più conosciuta.

Sono facilmente raggiungibili e  ne approfitterò per dare da vicino  un’occhiata alle comete e agli altri tesori.

Volendo poi raccogliere altre stelle, nascoste in dipinti del passato potrei fare :

  • due passi  fino a Ravenna,  per vedere,  nella chiesa di  Sant’Apollinare,   un mosaico bizantino con  la rappresentazione  dei magi e relativa stella. Non una cometa ma un luminoso astro a otto punte.
  • una gita A Firenze  e durante la visita agli Uffizi, soffermarmi  a guardare la stella dipinta sa Gentile da Fabriano nel 1423 nella Pala dell’A dorazione dei Magi.
  • un passaggio per Siena e andare a caccia della stella nascosta nella Pala dell’Adorazione dei Magi di Bartolo di Fredi (1380)

e avendo modo di uscire dall’Italia, poi  potrei fare

  • Un volo al Musée Condé, Chantilly per rimanere incantata davanti alle miniature del “Très Riches Heures” du Duc du Berry (inizio del XV sec)
  • una visita al Prado di Madrid e ammirare  una  Adorazione dei Magi (1612) di Juan Baptista Myno,
  • un salto  in Normandia al Museo della tapezzeria di  Bayeux e  vedere, tessuta sul famosisimo arazzo,  la rappresentazione della cometa di Halley passata nel 1066 e rappresentata con un improbabile coda.

    Questo slideshow richiede JavaScript.

E a proposito di code, da qualche giorno un belissimo gatto ( dall’aria paffuta direi: con legittimo padrone) dorme sui ripiani degli scaffali della mia cantina.  Da quando l’ho scoperto, contribuisco alla sua alimentazione e, se non ronfa nel suo posticino preferito, mi basta scuotere la scatola dei croccantini perchè appaia sulla finestra si precipiti dentro.  Quando scende dalla finestra un po’ assomiglia a una cometa con i baffi. Ha due nomi, Astro-gatto  o Gatt-astro, dipende dall’umore: il mio.

astrogatto

astro-gatto o gatt-astro

Fonti

http://www.brera.mi.astro.it/sormano/full_ancientcomet.html

http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&ved=0CDEQFjAA&url=http%3A%2F%2Fwww.arcetri.astro.it%2F~ranfagni%2Fppt%2FStella%2520dei%2520magi_def.ppt&ei=ZEucUtakOceEyQObwIDoBQ&usg=AFQjCNHkGu0qPrC76AnYitmDP3D8mjYq_A&sig2=HX1GcQ0A_wnqioxvoCAItA&bvm=bv.57155469,d.bGE

Annunci

Informazioni su spanni

prof. di chimica
Questa voce è stata pubblicata in approfondimenti, chimica per modo di dire e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Comete sostitutive

  1. marisamoles ha detto:

    Un post molto simpatico, oltreché interessante. Quanto sarebbe bello poter fare un salto qua e là per far visita ai musei che hai menzionato!
    Quanto alla cometa di Halley, nel 1986 non ricordo di averla vista ma nel 1997 ho potuto godere dello spettacolo della Hale-Bopp che aveva anche due punte. Ci ha seguiti per tutto il viaggio in autostrada da Trieste a Udine ed è stato un evento straordinario che ha emozionato non poco tutti noi, anche i miei due bambini che, contrariamente al solito, non hanno nemmeno fatto il sonnellino in auto.

    Un abbraccio.

    Mi piace

    • spanni ha detto:

      Ciao Marisa!Il cielo con la cometa è veramente un’emozione unica e Hale-Bopp non tradì certo le aspettative. Halley fu sicuramente più deludente, anche se molto publicizzata per via di osservazioni astronomiche particolari, che furono fatte in quell’occasione. Comunque anche poter scorazzare per i musei del mondo a caccia di stelle, e non solo, non sarebbe male!
      un caro saluto
      Margherita

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...