La buona notizia del venerdì

Dopo mesi di assenza, ritorna la buona notizia del venerdì, anzi, le buone notizie.

Sono infatti due le notizie che mi hanno molto rallegrato perché in decisa controtendenza rispetto alla visione catastrofista che abbiamo ( anzi mi correggo: che ho) del nostro Paese.
La prima è quella lanciata nei giorni scorsi dal Corpo forestale dello Stato:
nell’ultimo mezzo secolo la superficie boschiva in Italia è raddoppiata e sta per sfiorare il record di quasi 11 milioni di ettari, oltre un terzo del territorio nazionale.

La superficie forestale, secondo i dati dell’ultimo inventario forestale, infatti, è in crescita, e ha raggiunto complessivamente

camoscio d'Abruzzo

camoscio d’Abruzzo

i 10,4 milioni di ettari con 12 miliardi di alberi, un terzo della superficie territoriale.
La nostra Penisola inoltre, con oltre 55.600 specie è, in proporzione alla superficie nazionale, il paese europeo con la maggiore ricchezza di biodiversità animale. Tale primato è dovuto alla grande variabilità degli habitat e dei tipi climatici, alla posizione geografica e alla complessa storia geologica del territorio italiano che ha determinato l’evoluzione del

salamandrina con gli occhiali

salamandrina con gli occhiali

popolamento animale. L’Italia vanta anche un’elevata percentuale di specie endemiche, ovvero esclusive del nostro Paese, come ad esempio il camoscio d’Abruzzo, il variopinto anfibio salamandrina dagli occhiali o la rarissima farfalla Bramea del Vulture.
Considerevole è anche la variabilità ecosistemica che contraddistingue le risorse forestali del nostro Paese, con una ricchezza di habitat e specie vegetali arboree, arbustive ed erbacee. Delle circa 13 mila specie vegetali componenti la flora italiana, ammontano a ben 117 quelle autoctone arboree presenti nei nostri boschi, numero incredibilmente alto se

Il francobollo con l’immagine della Bramea del Vulture, emesso dalle Poste Italiane nel 1996 in concomitanza con la 20a edizione del Congresso Internazionale di Entomologia, tenutosi per la prima volta in Italia.

Il francobollo con l’immagine della Bramea del Vulture, emesso dalle Poste Italiane nel 1996 in concomitanza con la 20a edizione del Congresso Internazionale di Entomologia, tenutosi per la prima volta in Italia.

paragonato alla realtà di molti altri Paesi europei.
In Europa le foreste e le altre terre boscate coprono più del 40 per cento del territorio e ammontano complessivamente a circa 180 milioni di ettari, corrispondenti ad una quota procapite di 3.500 metri quadrati per ogni cittadino. Questo patrimonio si accresce ogni anno di circa 700 mila ettari e, in termini di volume legnoso, di quasi 77 milioni di metri cubi. È importante evidenziare che ricadono in aree protette circa 20 milioni di ettari di foreste dell’Unione Europea, di cui oltre 3 milioni si trovano in Italia. “

Dal 2005 ad oggi la superficie forestale è aumentata di 600.000 ettari. Le regioni in cui si è osservato il maggiore incremento di superficie boscata sono quelle dell'Italia centrale e meridionale.

Dal 2005 ad oggi la superficie forestale è aumentata di 600.000 ettari. Le regioni in cui si è osservato il maggiore incremento di superficie boscata sono quelle dell’Italia centrale e meridionale.

 

La seconda notizia è riportata su l’Almanacco della Scienza
“Green cities”, per migliorare la qualità di vita

Gli spazi verdi urbani rappresentano un elemento importante per favorire il risparmio e l’efficienza energetica. Un recente provvedimento del ministero dell’Ambiente offre benefici fiscali a chi arricchisce gli edifici di giardini pensili e piante, che non hanno solo una finalità estetica
Il Comitato per lo sviluppo del verde pubblico del ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, in una recente delibera relativa alla normativa sul risparmio energetico, prevede “misure di incentivo fiscale in caso di interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche delle unità immobiliari”, specificando che il riferimento riguarda la trasformazione dei “lastrici solari in giardini pensili”.
La decisione del Comitato promuove inoltre l’incremento degli spazi verdi urbani e favorisce la loro buona utilizzazione e manutenzione in quanto in grado di favorire: il risparmio energetico, l’assorbimento delle polveri sottili e la riduzione dell’effetto ‘isola di calore’. Si sancisce così istituzionalmente una tesi da sempre sostenuta dal mondo della ricerca.

L’idea di quei giardini sui tetti mi affascina da quando alle elementari mi parlarono dei “meravigliosi giardini pensili di Babilonia”. Da allora, nei miei sogni c’è l’immagine di queste terrazze piene di alberi e piante esotiche. Ho tentato di fare qualcosa di simile coltivando qualche albero da frutta … in vaso. Vi assicuro che per quanto le commoventi dodici albicocche annuali bastino a farmi sentire un coltivatore provetto, un giardino pensile è ben altro e non mi dispiacerebbe proprio realizzarlo, magari con qualche incentivo e il consiglio di un architetto del verde.
Vedremo, e qui il proverbio mi sembra azzeccato: se son rose fioriranno.

 

Le altre buone notizie del venerdì

Marisamoles ECCO LE “SNAIT BAG”, BORSE ECOLOGICHE MADE IN FRIULI

Laurin42 Flipback, un’alternativa agli ebook?

Laurin42 Se ami la tua città colorala

Annunci

Informazioni su spanni

prof. di chimica
Questa voce è stata pubblicata in La buona notizia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a La buona notizia del venerdì

  1. magicamente73 ha detto:

    Grazie della bella notizia sull’aumento delle aree a parco!
    Ammetto che sono pero un po scettica sui giardini verticali. Da milanese di campagna ed ex-betgamasca che osserva l’impegno per l’expo, ammetto che avrei preferito una maggiore tutela degli spazi verdi orizzontali, una manutenzione costante di viali alberati, l’evitare di piantumare con la robina che ok permette un miele squisito, ma è un po infestante… in Milano ho visto il realizzarsi dei due verdi verticali in zona porta Garibaldi e mi son chiesta, visti i pessimi risultati nella manutenzione dei navigli (fatta eccezione per alcune aree), come riusciranno a fare negli anni una manutenzione adeguata di quelli.
    Non è un volersi lamentare a tutti i costi. Davvero!
    anzi amo il verde, faccio la pendolare per poter passeggiare in campagna la sera, ma sono anche molto sfiduciata da una mala gestione “alla cittadina” di aree verdi solo in momenti politicamente comodi.

    Buona giornata
    Magy
    PS: il mio balcone è straripante di piante fiorite ed aromatiche!

    Mi piace

    • spanni ha detto:

      Ciao Magy,
      sento il profumo delle tue piante aromatiche! Concordo con quanto dici a proposito di manutenzione del verde: il verde pubblico soffre e non solo a Milano.
      Pensavo però che gli incentivi si riferissero a tetti di privati, che qualora decidessero per un’opera così complessa come un giardino pensile, dovrebbero poi pensare ANCHE alla successiva manutenzione. Per quanto riguarda il verde pubblico, ci sono difficoltà anche a mantenere decorose le innumerevoli rotonde ( rigorosamente orizzontali) sparse per città e periferie figuriamoci i giardini verticali :).
      buona giornata anche a te!

      Mi piace

  2. Pingback: * La buona notizia del venerdì: Se ami la tua città colorala | Laurin42

  3. Pingback: LA BUONA NOTIZIA DEL VENERDÌ: ECCO LE “SNAIT BAG”, BORSE ECOLOGICHE MADE IN FRIULI | Marisa Moles's Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...