Primo Levi : una poesia

Tratta da  ” Ad ora incerta” di Primo Levi, una poesia quasi d’amore

Stefano De Rosa Luna piena tramonta dietro le Alpi e la Sacra di San Michele

Stefano De Rosa
Luna piena tramonta dietro le Alpi e la Sacra di San Michele
1° classificato 2013 concorso fotografico “l’AstroViaggiatore”

Avigliana

Guai a chi spreca la luna piena,
che viene solo una volta al mese.
Accidenti a questo paese,
a questa stupida luna piena
che splende placida e serena
proprio come se tu fossi con me.

… E c’è perfino un usignuolo,
come nei libri del secolo scorso;
ma io gli ho fatto prendere il volo,
lontano, dall’altra parte del fosso:
lui a cantare e io a stare solo,
è davvero una cosa che non va.

Le lucciole, le ho lasciate stare
(ce n’era molte per tutto il sentiero):
non perché ti assomigliano nel nome,
ma son bestiole così miti e care
che fanno svaporare ogni pensiero.
E se un giorno ci vorremmo lasciare,
E se un giorno ci vorremmo sposare,
spero che venga di giugno, quel giorno,
e ci sian lucciole tutto intorno
come stasera, che tu non sei qui.

28 giugno 1946

Informazioni su spanni

prof. di chimica
Questa voce è stata pubblicata in approfondimenti, didattica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Primo Levi : una poesia

  1. popinga ha detto:

    Che bella! Grazie di averla proposta!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...