Riflessi e riflessioni

 

riflessi

Laghetto faentino in prossimità della scuola

La scuola è incominciata, almeno per noi insegnanti e allora eccomi qui , nuovamente a Faenza . Le vacanze hanno aggravato la mia mania di fotografare quasi qualunque cosa e perciò mi ritrovo a immortalare i riflessi nelle acque del laghetto, quello vicino alla scuola, che in questa stagione dà il meglio di sé. E intanto alcune riflessioni stanno componendosi nelle anse del mio cervello che, in questi giorni e ancora per pochi altri, è illuminato da luce radente.
Dati di fatto: incontrerò 5 classi nuove ( un provvidenziale part time mi ha evitato un meeting a 9), 5 seconde, e farò conoscenza con più di 100 allievi ( fra i 15 e i 16 anni) che incomincerò a chiamare per nome, senza confondermi, verso aprile. In queste 66 ore dovrò contribuire alla loro educazione come uomini, donne e cittadini, motivarli allo studio e promuovere l’acquisizione di competenze utilizzando la chimica e i suoi concetti come medium . Non ci sono ricette, non c’è certezza di successo perché le dinamiche di un gruppo classe sono diverse ogni anno , il gap generazionale è sempre più profondo e ormai fatico a capire quali argomenti possano veramente emozionare e coinvolgere.
Mi disturba profondamente essere diventata una meteora che compare per un anno nelle laghetto di Faenzavite degli studenti e che poi scomparirà per sempre. Mi disturba profondamente sapere che una quantità enorme di persone affronterà la vita senza sapere nulla di chimica, come se non fosse ciò con cui hanno a che fare tutti i giorni. Mi disturba profondamente sapere che, domani, ci saranno miei ex studenti che crederanno a cose stupide e lo faranno con la prepotenza degli ignoranti. Mi disturba profondamente avere legislatori che, dopo aver fatto un uso improprio della chimica, legiferano sulla scuola. Mi disturba profondamente avere questa visione nera della scuola e del futuro.
Comunque anche per quest’anno ho: definito gli obiettivi, elaborato i miei progetti, segnato il percorso da seguire per raggiungere le competenze , insomma ho tutto pronto per ricominciare; ho anche indossato un vestito rosa che ha destato scalpore fra le mie colleghe abituate a vedermi in quaresimali completini nero/viola!
Quindi:
buon inizio a tutti quelli che hanno a che fare con la scuola!!!!.
Quanto a me spero di riuscire a tollerare il rosa fino a giugno dell’anno prossimo.

laghetto di Faenza

Le ninfee rosa del laghetto

Annunci

Informazioni su spanni

prof. di chimica
Questa voce è stata pubblicata in chimica per modo di dire, didattica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Riflessi e riflessioni

  1. laurin42 ha detto:

    Cara Margherita, rosa in prima fila a combattere come al solito con determinazione e creatività già ti vedo…perchè,ahimè, ci contano sulla passione dell’insegnamento comunque.
    Intanto ringrazio la tua passione per le istantanee che hanno accompagnato la mia estate.
    Puoi sempre cambiare professione e con successo!
    Ti abbraccio
    Love
    L

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...