Arte e chimica: mostre a Ferrara

Fisica e metafisica a Ferrara
Insegnare chimica in un biennio di scuola superiore rende decisamente più facile la comprensione delle Avanguardie artistiche del primo novecento. Innegabile infatti, la stretta correlazione fra il movimento Dada e l’atteggiamento delle  classi prime tra ottobre e novembre: l’atmosfera potrebbe ricordare quella del cabaret Voltaire tanto che, a volte, vengo colta dal dubbio di essermi così immedesimata in quell’ ambiente irriverente e destabilizzante, da aver dato, non le mie istruzioni per scrivere una relazione , ma quelle di Tristan Tzara per scrivere una poesia Dada . per fare una poesia dadaistaLa lettura dei primi elaborati prodotti dai ragazzi, di solito non fa che confermare la sensazione.

 

Per fortuna, per la maggior parte degli studenti il periodo dura poco e impercettibilmente la classe scivola nel surrealismo che raggiunge vette elevatissime verso la fine del primo quadrimestre. E poi, l’assordante silenzio metafisico in cui principi e strumenti vengono rispettosamente collocati in contesti irreali e vagamente inquietanti.
Purtroppo per la maggior parte degli studenti, l’esperienza artistico/scientifica si conclude così, senza che ci sia il tempo per meditare sulle correnti artistiche inconsapevolmente attraversate, senza alcuna possibilità di lasciare tracce che, se non indelebili, siano almeno visibili quanto basta per contribuire a costruire mappe attendibili per il loro cammino futuro.
Bene, tutto ciò mi girava per il cervello mentre, incantata, guardavo le due mostre in corso in questi giorni a Ferrara, “ De Chirico a Ferrara, metafisica e avanguardia” a Palazzo dei Diamanti e “Fisica e metafisica: la scienza ai tempi di De Chirico e Carrà” in corso a Palazzo Turchi di Bagno, proprio di fronte ai Diamanti.


Il percorso della mostra di De Chirico è veramente affascinante e, in molti casi, risulta davvero difficile staccare lo sguardo da alcune opere dal fortissimo potere ipnotico.
Il periodo passato da De Chirico in Italia e in particolare a Ferrara è apparentemente ristretto. Dal 15 al 18, il periodo della Grande Guerra, De Chirico e il fratello Alberto Savinio erano militari a Ferrara, ma, dichiarati dal medico “ incapaci di sopportare le fatiche di guerra”, furono impegnati in lavori d’ufficio. De Chirico passò anche un lungo periodo in un ospedale militare dove si praticavano terapie d’avanguardia per le malattie nervose provocate dalla guerra. Qui incontrò Carrà e qui nacquero alcuni capolavori metafisici.
De Chirico non fu certo un genio sconosciuto e isolato: la sua opera fu apprezzata soprattutto in Francia e destinata quindi a intrecciarsi con i percorsi di altri grandi artisti del ‘900
In questa mostra si possono così gustare opere di Carrà, Morandi, De Pisis, ma anche Man Ray, Magritte, Dalì. Una scelta fantastica di artisti e capolavori, che accompagnano il visitatore in un viaggio nel passato per scoprire alcune delle immagini e delle parole che hanno profondamente contribuito a demolire la cultura ottocentesca ponendo le basi per la costruzione del pensiero del ‘900.
Nei quadri di De Chirico e di Carrà esposti, appaiono strumenti di misura, squadre che sembrano richiamare la scienza. Questa frase di De Chirico sembra condurre proprio in quella direzione.sulla metafisica

Non resta che attraversare la strada per saperne di più

La sala della mostra ha grandi vetrate che guardano sull’orto botanico: uno sguardo d’insieme svela poster, riproduzioni di alcuni dei quadri visti nell’altra sede e diverse vetrine che racchiudono reperti dall’aria misteriosa e affascinante. Bellissimi: la bellezza degli strumenti scientifici antichi, oggetti che raccontano dell’ingegno umano.
Come nasce questa mostra?
L’idea di raccontare lo stato della scienza ai tempi dei due artisti, De Chirico e Carrà, si può ricollegare al fatto che alcuni degli oggetti che compaiono nelle tele di De Chirico, il pittore li aveva visti nello studio dell’ Astronomo Bongiovanni al quale dedica una poesia nel gennaio del 1916 “La notte misteriosa”.
la notte misteriosa
La mostra si articola in cinque sezioni ognuna documentata in modo chiaro e coinvolgente da poster e da schede che illustrano gli oggetti esposti, spiegandone il funzionamento e le caratteristiche tecniche .

Seguitemi in questo mini tour, che ha lo scopo di convincervi dell’assoluta necessità di andare a visitarla.

la moglie dell'ingegnere

Carrà: la moglie dell’ingegnere

La moglie dell’ingegnere, opera di Carrà, introduce la sezione dedicata alle misure e ai campioni di misura

misure e strumenti di misura

misure e strumenti di misura

 

 

 
Della sezione successiva,  riguardante la  meteorologia,
questo strumento, l’eliofanometro,  mi ha molto colpito per il suo aspetto vagamente magico.

P1010603


Nella  sezione dedicata a Elettricità ed elettromagnetismo ci sono oggetti incredibili. Un solo esempio : il radiotelegrafo marconiano

P1010626


Nella sezione Astronomia spicca su tutti un  bellissimo strumento chiamato Tellurio

tellurio

 

Mi piace  molto questa  frase di De Chirico, posta qui dai curatori della mostra, che descrive l’atelier del metafisico:

:del metafisico
L’ultima sezione si occupa degli strumenti usati a quei tempi in medicina, in particolare per i raggi x (da poco scoperti) e la radioterapia.
Qui è in mostra, fra le altre cose,  la strumentazione che veniva allora utilizzata per lo studio dei raggi catodici e in seguito dei raggi X. Il rocchetto di Rumkorff e i tubi di Crooks ( raggi catodici) sono proprio identici a quelli del laboratorio dell’ Oriani: eccoli in funzione:

La mostra è aperta dal lunedì al sabato (e anche alcune domeniche).  Non perdetela!

Informazioni su spanni

prof. di chimica
Questa voce è stata pubblicata in approfondimenti, arte e chimica, didattica, gite e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...